Cerca in VAOL nel web
 
Prima pagina Colico Mandello Lario Occidentale Valchiavenna Morbegno Bassa Valle Sondrio Valmalenco Tirano Aprica Bormio Livigno Bregaglia Poschiavo
CRONACHE ATTUALITA' ECONOMIA POLITICA SPORT CULTURA E SPETTACOLI TUTTO TURISMO FUORI VALLE CINEMA COMUNI
photo gallery video gallery bacheca blog webcam foto del giorno wallpaper sondaggi newsletter link utili Lombardia Quotidiano Immobili

Pubblicato il 25.01.2006
  Sfoglia l'archivio Eventi »
 
Letto 477 volte

Condividi Facebook Twitter Friendfeed


Berbenno: la Sagra di San Bello

Il pollo bollito è la pietanza tradizionale. Fino al 12.2.

Festa popolare di origine medioevale istituita per festeggiare San Benigno De' Medici (soprannominato San Bello), fondatore del Monastero. Una celebrazione religiosa e una processione aprono la festa che prosegue, con concerti bandistici e un grande banchetto a base di polli bolliti. Anche quest'anno ci sarà la possibilità di gustare il tipico menù di S. Bello con il classico vino direttamente all'interno degli stand riscaldati o presso il ristorante locale. Il sito della manifestazione presenta il programma della kermesse.
Abbiamo provato a cercare, fra i pochi documenti accessibili, l’origine della ormai consueta tradizione di consumare pasti a base di gallina nel giorno di San Bello. Purtroppo nemmeno un accenno o un qualsiasi riferimento. Abbiamo allora indagato tra i ricordi dei più anziani e la risposta ci è giunta immediata: “mio nonno mi diceva…” La festività di San Bello è molto sentita presso le locali comunità e gode di una calorosa partecipazione con afflusso di numerose persone dal bacino della media Valtellina, principalmente, ma è anche molto conosciuta a livello Provinciale. Ed è tra questi “ricordi dei ricordi” che abbiamo ritrovato una folta schiera di fedeli che, a piedi, salivano fino a Monastero, per onorare il Santo. Qualcuno portava con sé un modesto ed improvvisato pasto da consumarsi all’aperto prima di riprendere a sera il viaggio di ritorno, dopo il suono dell’Ave Maria. Chi invece se lo poteva permettere, saliva di buon mattino la ripida mulattiera per andare alla ricerca del posto dove si stavano cuocendo le galline . Nei tempi più remoti alcuni contadini preparavano grossi pentoloni (pochi per la verità), che mettevano a bollire all’aperto entro i quali sarebbero state, poco più avanti, adeguatamente collocate le galline ruspanti allevate nel paese ed offerte contro adeguato compenso. Le galline bollite venivano esitate tutte allo stesso “prezzo” scatenando gli intervenuti in una impavida gara a chi riuscisse di pescare la più bella . Armati di lunghi forchettoni e disposti intorno ai pentoloni si cimentavano così in questa singolare tenzone; il pasto poi veniva consumato all’aperto in allegria. Si all’aperto, nonostante fosse il 12 di febbraio e la stagione non è la più calda. Però, in questo paesino risplende un sole che è un incanto, dal mattino alla sera, anche al 12 di febbraio. Se poi consideriamo che la gallina veniva accompagnata dal corposo e delizioso vino prodotto direttamente nella sottostante zona di Maroggia, non c’è freddo che tenga. Dalle consumazioni all'aperto al ritrovarsi a pasteggiare nei ristoranti locali, è storia recente, come è storia recente l'impianto di una tensostruttura riscaldata, dove però si continua a cuocere la gallina e a servire buon vino, prodotto negli stessi vigneti di un tempo e con le stesse tecniche, tramandate con l'esempio e con gli insegnamenti degli anziani. Vale la pena di assaggiare il risotto cucinato in cinque modi differenti, di gustare le galline lesse, il pollo arrosto, allo spiedo e altri prodotti tipici locali.



  Le notizie più lette