Cerca in VAOL nel web
 
Prima pagina Colico Mandello Lario Occidentale Valchiavenna Morbegno Bassa Valle Sondrio Valmalenco Tirano Aprica Bormio Livigno Bregaglia Poschiavo
CRONACHE ATTUALITA' ECONOMIA POLITICA SPORT CULTURA E SPETTACOLI TUTTO TURISMO FUORI VALLE CINEMA COMUNI
photo gallery video gallery bacheca blog webcam foto del giorno wallpaper sondaggi newsletter link utili Lombardia Quotidiano Immobili

Pubblicato il 20.01.2016 - ore 21:40
 
Letto 32905 volte

Condividi Facebook Twitter Friendfeed


Giorno della Memoria a Sondrio il 27 gennaio

Marina Cotelli
“E’ consuetudine dell’Amministrazione di Sondrio conferire un significato di impegno civile, dare un’occasione di riflessione nel Giorno della Memoria. Gli anni passati abbiamo voluto ricordare i grandi genocidi di cui il Novecento si è macchiato: da quello Armeno nel 1915 a quello del Rwanda, di cui abbiamo fatto memoria l’anno scorso. Quest’anno abbiamo ritenuto importante tornare alla ragione fondante del perché è stata costituita questa giornata e quindi torniamo a ricordare lo Shoah: i fatti della storia, le molte persone che hanno subito la deportazione, ma anche chi si è opposto per combattere lo sterminio - spiega Marina Cotelli, Assessore alla Cultura del Comune di Sondrio -. L’appuntamento con lo Shoah è doveroso anche in virtù degli episodi di antisemitismo che il nostro tempo ha vissuto: c’è la necessità di non dimenticare, attraverso tutti gli strumenti a disposizione della cultura, dell’istruzione e dell’informazione” conclude l’Assessore. 
Ed è quindi grazie alla collaborazione tra Comune di Sondrio, Biblioteca Rajna e l’ISSREC-Istituto Sondriese per la Storia della Resistenza e dell’Età Contemporanea, che nasce un programma dedicato al Giorno della Memoria e che si svilupperà in tre giornate.
Il 27 gennaio, Giorno della Memoria, alle ore 10.00 al Parco della Rimembranza (via C.Battisti, Sondrio) si terrà la consueta cerimonia, in collaborazione del Coro del Liceo Piazzi-Perpenti di Sondrio, in presenza delle Autorità Civili, Militari, delle scuole e di tutta la cittadinanza.
Alle 17.30 presso la Biblioteca Rajna si terrà l’incontro dal titolo ‘L’invenzione del nemico. Dalle leggi per la difesa della razza alla soluzione finale’: grazie alle relatrici Bianca Ceresara Declich e Fausta Messa dell’ISSREC, si terrà una ricostruzione dei fatti dove a partire dalla Germania si arriverà a conoscere anche la cronaca valtellinese. 
L’usale appuntamento con la rassegna teatrale ‘Sondrio Teatro’, quest’anno si terrà lunedì 1 febbraio alle 21.00 al Teatro Sociale con ‘Il visitatore’. Lo spettacolo di éric-Emmanuel Schmitt con Alessandro Haber e Alessio Boni ci porta a Vienna nell’aprile 1938: la figlia di Sigmund Freud, Anna, viene arrestata da un ufficiale della Gestapo e mentre lo psicoanalista aspetta sue notizie, riceve l’inaspettata visita di uno sconosciuto. Con lui si innesta un dialogo filosofico, brillante e commovente. 
Infine, ancora attraverso il linguaggio del teatro e della musica, martedì 2 febbraio alla Sala del Policampus si terrà uno spettacolo dedicato alle Scuole Secondario di II grado dal titolo “Che non abbiano fine mai” di e con Eyal Lerner, grazie al quale la memoria e la cultura ebraica verrà fatta conoscere attraverso racconti e musica.
Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare a questi momenti voluti per non dimenticare e per celebrare il Giorno della Memoria. 




  Le notizie più lette    



Assicurazione auto online Linear

Linear, l'assicurazione online del Gruppo Unipol.
Per la tua polizza auto scegli un rapporto qualità-prezzo al TOP. Calcola un preventivo su Linear.it