Cerca in VAOL nel web
 
Prima pagina Colico Mandello Lario Occidentale Valchiavenna Morbegno Bassa Valle Sondrio Valmalenco Tirano Aprica Bormio Livigno Bregaglia Poschiavo
CRONACHE ATTUALITA' ECONOMIA POLITICA SPORT CULTURA E SPETTACOLI TUTTO TURISMO FUORI VALLE CINEMA COMUNI
photo gallery video gallery bacheca blog webcam foto del giorno wallpaper sondaggi newsletter link utili Lombardia Quotidiano Immobili

Pubblicato il 02.01.2016 - ore 16:11
 
Categoria: BORMIO - LIVIGNO | CRONACHE  
Letto 41765 volte

Condividi Facebook Twitter Friendfeed


Un arresto per estorsione a Livigno

I Carabinieri della Stazione di Livigno, ieri sera, hanno proceduto all’arresto di un cittadino straniero, G.V., trentenne, in flagranza del reato di estorsione.

Il soggetto, che poco tempo prima aveva ritrovato uno smartphone di ultima generazione, aveva contattato il proprietario proponendogli la restituzione dell’apparato solo previo “compenso” di 200 Euro: il classico “cavallo di ritorno”, pratica illegale che prevede la restituzione di un bene sottratto (di solito un veicolo) previo pagamento di un “riscatto”.
Nel “Piccolo Tibet” non ha funzionato: il malcapitato, anch’egli straniero, invece, ha prontamente avvertito i Carabinieri della Stazione di Livigno, che hanno assistito allo scambio e sono quindi intervenuti.

L’autore del reato, immediatamente fermato, è stato trovato in possesso delle banconote appena consegnategli.
Terminate le formalità del caso, è stato trasferito agli arresti domiciliari su disposizione dell’Autorità Giudiziaria.




  Le notizie più lette    



Assicurazione auto online Linear

Linear, l'assicurazione online del Gruppo Unipol.
Per la tua polizza auto scegli un rapporto qualità-prezzo al TOP. Calcola un preventivo su Linear.it